In vacanza a Selva Val Gardena ho potuto sperimentare il famoso Sella Ronda, lo skitour più famoso delle Alpi: un percorso panoramico e bellissimo di 40 km di cui 26 da affrontare con gli sci ai piedi. 4 passi – Pordoi, Sella, Gardena e Campolongo – attorno al Sella e attraverso le valli di Fassa (Trentino), Gardena e Badia (Alto Adige), Arabba (Veneto).

 

Piste bellissime di livello medio alto e tanto sport. Ma io ho deciso di raccontarvi i miei momenti di relax durante queste giornate di sci . Una piccola guida per capire dove fermarsi per un pranzo veloce, per un break con un po’ di musica o anche solo per la miglior fetta di torta di tutto il comprensorio. Sci ai piedi e via!

1

1. Piz Saetur, a Plan de Gralba Selva, Val Gardena

In legno, elegante e in perfetto stile alpino, fermatevi per assaggiare i loro secondi di carni strepitosi. Il martedì e il giovedì pomeriggio si trasforma: le Gogo girl che ballano sul bancone esterno, musica a tutto volume, cocktail buonissimi. Se non siete stanchi, vale la pena sicuramente fermarsi!

2. Rifugio Comici a Plan de Gralba, Selva di Val Gardena

Stessa zona ma atmosfera super chic al Rifugio Comici: frequentato dalla Jeunesse Dorée delle Alpi, è aperto anche per cena. Qui si mangia pesce, che arriva freschissimo dall’Adriatico. Perfetto per una coppa di champagne e ostriche, molto stile James Bond.

9

10

3. Rifugio Burz, Arabba

Ristrutturato da poco, è una grande baita futuristica, con dettagli ricercati e carini. Si mangia cucina locale molto buona. Ottima anche la pizza.

4. Rifugio Piz Boè, a Corvara

Una scrigno di vetro con una vista da togliere il fiato. Questo è quello che questo rifugio racconta visto da fuori. Entrate e assaggerete piatti eleganti e raffinati che mischiano tradizione e innovazione. Un consiglio ? Io sono dovuta rientrare, ma voi prendetevi il vostro tempo per stare un po’ qui…è un posto speciale.

Rifugio Burz

18

5. Rifugio Col Alt a Corvara

Qui c’è il primo impianto di risalita collaudato in Italia. Era il 1947. Noi ci siamo fermati a pranzo, ma è da provare anche a cena con il gatto delle nevi: cucina tradizionale e creativa, assaggiate il dolce “SETTEVELI” di Cristian Beduschi Campione del Mondo di Pasticceria.

6. Rifugio Col Pradat a Colfosco

Se decidete di venire qui in una giornata di sole, fate come me e prenotate il Nido dell’Aquila, punta più estrema della bellissima terrazza del rifugio. Non ci sono aquile, ma una vista unica sulle montagne e sul paesino di Colfosco.

23

Rifugio Col Pradat

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *